Perché faccio il fotografo

Siamo così abituati a scattarci selfie per mostrarci in tempo reale al resto del mondo, che spesso ci dimentichiamo di cosa sia davvero una fotografia e del perché la scattiamo, o ce la facciamo scattare. Una fotografia coglie un dettaglio, l’attimo di una storia, cerca di rendere evidente qualcosa che c’è, ma che, magari, non tutti hanno notato o, meglio ancora, della quale nemmeno i soggetti ritratti si rendono conto.
Un attimo dietro il quale si cela tanto lavoro.
Io ho iniziato a fotografare che non avevo ancora otto anni, con la macchinetta che mi avevano regalato per la Prima Comunione. La fotografia è stato un modo per iniziare ad esplorare il mondo, cominciando da casa mia e uscendo per le strade.
Ogni tanto ho smesso, per mancanza di ispirazione, per mancanza di strumenti, o perché mi mancavano le competenze che mi permettessero di ottenere foto così come me le ero immaginate prima di scattare.
Poi con la fotografia digitale e la post-produzione sono rinata..
Corso base, corsi e masterclass di fotoritocco, masterclass sul ritratto, sull’uso delle luci, set fotografici, model sharing, styled shooting..e tanti, tantissimi scatti.
E ora la passione è diventata anche una professione..
Grazie a tutti voi che avete deciso di visitare il mio sito web. Restate nei paraggi. Ne vedrete delle belle…
Nel frattempo, se desiderate farvi fotografare dalla sottoscritta, telefonatemi o contattatemi tramite il sito.
P.S:
La foto qui sotto si intitola “Il mio migliore amico e il mio migliore amico umano” e l’ho scattata a settembre del 2018. Raffigura il mio amico David e il mio cane Totò.
Per scattarla ho improvvisato uno studio fotografico nel salotto di casa, spostando tutti i mobili per piazzare fondale e luci. Ora sono un po’ più organizzata e scatto in uno studio vero…
Questa foto ha ottenuto una Menzione d’Onore ai FIIPA Awards 2019 per la categoria Ritratto.